Allattamento al seno: il mio bambino riceve abbastanza latte? - Eccomi Mamma
Semplicemente donna
Allattamento al seno: il mio bambino riceve abbastanza latte?

Allattamento al seno: il mio bambino riceve abbastanza latte?

Allattamento al seno: il mio bambino riceve abbastanza latte?

Quando inizi ad allattare per la prima volta, potresti chiederti se il tuo bambino sta ricevendo abbastanza latte.

Potrebbe volerci un po 'di tempo prima che tu abbia la certezza che il tuo bambino stia ottenendo ciò di cui ha bisogno.

Il tuo bambino generalmente te lo farà sapere, ma i pannolini bagnati e sporchi sono una buona indicazione, così come sentire il tuo bambino deglutire.

L'allattamento esclusivo al seno (solo latte materno) è consigliato per circa i primi 6 mesi di vita del tuo bambino. L'introduzione del biberon ridurrà la quantità di latte materno prodotto.


Segni che il tuo bambino è ben attaccato
Il mento del tuo bambino sta toccando il tuo seno, il suo labbro inferiore è abbassato (non puoi sempre vederlo) e il suo naso non è schiacciato contro il tuo seno.
Non senti alcun dolore al seno o ai capezzoli quando il tuo bambino sta succhiando, anche se le prime poppate possono sembrare forti.
Puoi vedere più pelle scura intorno al capezzolo (areola) sopra il labbro superiore del tuo bambino che sotto il labbro inferiore.


Segni che il tuo bambino sta ricevendo abbastanza latte
Il tuo bambino inizia a poppare con alcune suzioni rapide seguite da suzioni lunghe e ritmiche e deglutisce con pause occasionali.
Puoi sentire e vedere il tuo bambino che deglutisce.
Le guance del tuo bambino rimangono arrotondate, non vuote, durante la suzione.
Sembrano calmi e rilassati durante le poppate.
Il tuo bambino si stacca dal seno da solo alla fine della poppata.
La loro bocca sembra umida dopo i pasti.
Il tuo bambino sembra contento e soddisfatto dopo la maggior parte delle poppate.
Il tuo seno si sente più morbido dopo la poppata.
Il tuo capezzolo sembra più o meno lo stesso dopo le poppate - non appiattito, pizzicato o bianco.
Potresti sentirti assonnata e rilassata dopo i pasti.


Altri segni che il tuo bambino si sta alimentando bene
Il tuo bambino aumenta di peso costantemente dopo le prime 2 settimane: è normale che i bambini perdano parte del loro peso alla nascita nelle prime 2 settimane.
Sembrano sani e vigili quando sono svegli.
Dal quarto giorno, dovrebbero fare almeno 2 defecazioni gialle e morbide dalle dimensioni di una moneta da £ 2 ogni giorno per le prime settimane.
Dal quinto giorno in poi, i pannolini bagnati dovrebbero iniziare a diventare più frequenti, con almeno 6 pannolini pesanti e bagnati ogni 24 ore. Nelle prime 48 ore, è probabile che il tuo bambino abbia solo 2 o 3 pannolini bagnati.
Può essere difficile dire se i pannolini usa e getta sono bagnati. Per avere un'idea, prendi un pannolino inutilizzato e aggiungi da 2 a 4 cucchiai d'acqua. Questo ti darà un'idea di cosa valutare.

Leggi anche Come estrarre e conservare il latte materno 

Modi per aumentare la fornitura di latte materno
Chiedi alla tua ostetrica, medico curante o specialista dell'allattamento al seno di osservare il tuo bambino mentre si nutre. Possono offrire guida e supporto per aiutarti a posizionare e attaccare correttamente il tuo bambino al seno.
Evita di somministrare biberon di latte artificiale per i primi 6 mesi o un ciuccio fino a quando l'allattamento al seno non è ben avviato.
Nutri il tuo bambino tutte le volte che vuole e per tutto il tempo che vuole.
Tirare un po 'di latte materno dopo la poppata una volta che l'allattamento al seno è iniziato ti aiuterà a costruire la tua scorta.
Offri entrambi i seni ad ogni poppata e alterna il seno con cui inizi.
Tieni il tuo bambino vicino a te e tienilo pelle a pelle. Questo ti aiuterà a individuare i segnali che il tuo bambino è pronto per nutrirsi, prima che inizi a piangere.


Cose che possono influenzare la tua produzione di latte
Cattivo attaccamento e posizionamento.
Non nutrire il tuo bambino abbastanza spesso.
Bere alcol e fumare durante l'allattamento: entrambi possono interferire con la produzione di latte.
Precedente intervento chirurgico al seno, in particolare se i capezzoli sono stati spostati.
Dover passare del tempo lontano dal tuo bambino dopo il parto, ad esempio perché era prematuro.
Patologie in te o nel tuo bambino.
Usare i paracapezzoli, anche se questo potrebbe essere l'unico modo per nutrire il tuo bambino con capezzoli danneggiati ed è preferibile interrompere l'alimentazione.
Alcuni farmaci, tra cui dopamina, ergotamina e piridossina. 
Ansia, stress o depressione.

Con un aiuto qualificato, molti di questi problemi possono essere risolti. Se hai dubbi su quanto latte sta ricevendo il tuo bambino, è importante chiedere aiuto in anticipo. Parla con la tua ostetrica, medico curante o uno specialista in allattamento. 

Che cos'è l'anello vaginale?
CHE COS’E’ L’ANELLO VAGINALE? L'anello vaginale è un contraccettivo ormonale che, invece di essere preso per bocca, si inserisce all'interno della vagina. Ha la forma di un cerchio flessibile e trasparente ed è fatto di un materiale non tossico che è fatto in modo tale da adattarsi alle caratteristiche anatomiche di ogni ...
Quali sono gli Sport da evitare in gravidanza?
Quali sono gli Sport da evitare in gravidanza? La gravidanza è un momento molto delicato nella vita di una donna, durante il quale il suo corpo subisce una serie di cambiamenti per supportare la crescita e lo sviluppo del bambino. Durante questo periodo, è importante prestare attenzione alla propria salute e al ...
Come posso rimanere incinta?
Come posso rimanere incinta? Guida completa e consigli utili La decisione di concepire un bambino è un momento emozionante e significativo nella vita di una coppia. Tuttavia, alcune persone possono incontrare difficoltà nel rimanere incinte. In questo articolo, esploreremo diversi metodi e suggerimenti per aiutarti a realizzare il tuo sogno di diventare ...
Le informazioni presenti nel sito in nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.
Ricordiamo a tutti i visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.
Facebook
Instagram
Youtube
TikTok
P.Iva 07143761216
Policy Privacy - Policy Cookies
Copyright © 2024 Tutti i diritti sono riservati
Realizzato da NapoliWeb Srl - Web Agency Napoli - Marketing medico