Gravidanza Amniocentesi
Gravidanza e Ginecologia

Gravidanza Amniocentesi

Gravidanza Amniocentesi


L'amniocentesi è un test che ti potrebbe essere consigliato durante la gravidanza per verificare se il tuo bambino ha una condizione genetica o cromosomica, come la sindrome di Down, la sindrome di Edwards o la sindrome di Patau.

Implica la rimozione e il test di un piccolo campione di cellule dal liquido amniotico, il fluido che circonda il nascituro nell'utero.


Quando viene consigliata l'amniocentesi


L'amniocentesi non è consigliata a tutte le donne in gravidanza. Viene consigliata solo se c'è una maggiore possibilità che il tuo bambino possa avere una condizione genetica.

L'amniocentesi è consigliabile se:

un test di screening prenatale ha suggerito che il tuo bambino potrebbe nascere con una condizione, come la sindrome di Down, la sindrome di Edwards o la sindrome di Patau
hai avuto una precedente gravidanza affetta da una condizione genetica
hai una storia familiare di una condizione genetica, come l'anemia falciforme, la talassemia, la fibrosi cistica o la distrofia muscolare.
È importante ricordare che non è obbligatorio sottoporsi all'amniocentesi se viene consigliata. Sta a te decidere se lo vuoi eseguire.

Un'ostetrica o un medico ti parlerà di ciò che comporta il test e ti farà sapere quali sono i possibili benefici e rischi per aiutarti a prendere una decisione.

Come viene eseguita l'amniocentesi


L'amniocentesi viene solitamente eseguita tra la 15a e la 20a settimana di gravidanza, ma puoi eseguirla più tardi se necessario.

Può essere eseguita prima, ma questo può aumentare il rischio di complicanze dell'amniocentesi e di solito viene evitato.

Durante il test, un ago lungo e sottile viene inserito attraverso la parete addominale, guidato da un'immagine ecografica.

L'ago viene fatto passare nel sacco amniotico che circonda il feto e un piccolo campione di liquido amniotico viene rimosso per l'analisi.

Il test stesso richiede solitamente circa 10 minuti, anche se l'intera consultazione può richiedere circa 30 minuti.

L'amniocentesi è solitamente descritta come fastidiosa piuttosto che dolorosa.

Alcune donne descrivono di provare un dolore simile al dolore mestruale.

I risultati dell'amniocentesi


I primi risultati del test dovrebbero essere disponibili entro 3 giorni lavorativi e ti diranno se è stata scoperta la sindrome di Down, la sindrome di Edwards o la sindrome di Patau.

Se vengono testate anche condizioni più rare, possono essere necessarie 3 settimane o più prima che i risultati siano disponibili.

Se il tuo test mostra che il tuo bambino ha una condizione genetica o cromosomica, le implicazioni saranno discusse esclusivamente con te.

Non esiste una cura per la maggior parte delle condizioni riscontrate dall'amniocentesi, quindi dovrai considerare attentamente le tue opzioni.

Puoi scegliere di continuare la gravidanza, mentre raccogli informazioni sulla condizione in modo da essere completamente preparata.

Oppure potresti prendere in considerazione la possibilità di interrompere la gravidanza.

Quali sono i rischi dell'amniocentesi?

Prima di decidere di sottoporsi all'amniocentesi, verranno discussi con te i rischi e le possibili complicazioni.

Uno dei principali rischi associati all'amniocentesi è l'aborto spontaneo, che è la perdita della gravidanza nelle prime 23 settimane.

Si stima che ciò si verifichi fino a 1 donna su 100 che si sottopongono alll'amniocentesi.

Esistono anche altri rischi, come l'infezione o la necessità di ripetere la procedura perché non è stato possibile testare accuratamente il primo campione.

Il rischio che l'amniocentesi causi complicazioni è maggiore se viene eseguita prima della 15a settimana di gravidanza, motivo per cui il test viene eseguito solo dopo.

Quali sono le alternative all'amniocentesi?

Un'alternativa all'amniocentesi è un test chiamato campionamento dei villi coriali (CVS).

Un piccolo campione di cellule dalla placenta, l'organo che collega l'afflusso di sangue della madre a quello del nascituro, viene rimosso per il test.

Di solito viene eseguita tra l'undicesima e la quattordicesima settimana di gravidanza, anche se può essere eseguita più tardi se necessario.

Con CVS, il rischio di aborto spontaneo è simile al rischio di aborto spontaneo per amniocentesi (fino a 1 su 100).

Poiché il test può essere eseguito prima, avrai più tempo per considerare i risultati.

Sei uno Specialista o un’azienda interessata ad entrare nel mondo Eccomi Mamma?
Compila il modulo, un nostro consulente ti contatterà nel più breve tempo possibile.


 

6 ottobre 2021
Fecondazione Assistita esami maschili 
Fecondazione Assistita esami maschili  Una delle domande più frequenti e se oltre all'esame del liquido seminale c'è la possibilità di effettuare ulteriori indagini sul partner maschile. Certamente al di là dei livelli ormonali nel maschio ecocolordopler per valutare una eventuale presenza di varicocele o meno, due esami che io consiglio quasi sempre di fare so...
26 aprile 2021
Quando si può iniziare a portare il bambino sulla schiena Babywearing
Quando si può iniziare a portare il bambino sulla schiena Babywearing Ciao bentornata sul mio canale oggi parliamo di quando è il momento per passare alla schiena quindi quando legare i nostri bimbi alla schiena, quindi video tema babywaearing. E' una domanda gettonatissima che mi fate in tanti. Posso già legarlo sulla schiena? Posso passare alla schiena? Magari abbiamo d...
15 aprile 2021
Quando avete cercato il secondo figlio? Consigli?
Quando avete cercato il secondo figlio? Consigli? Ho cercato il secondo figlio dopo sei anni. Io dopo due anni dal primo figlio mi sono decisa a cercare il secondo figlio. Dopo un anno subito l'ho cercato il secondo figlio. Dopo 6 anni, ma tornando indietro, ci avrei provato prima. Dopo sei mesi hanno 16 mesi di differenza. Hai fatto due cesari? No ho fatto due parti naturali senza epidural...
Iscriviti alla Newsletter
e resta sempre aggiornato.


Le informazioni presenti nel sito in nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.
Ricordiamo a tutti i visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.
Eccomi Mamma - P.Iva 07143761216
Policy Cookies - Policy Privacy
Copyright © 2021 Tutti i diritti sono riservati
Realizzato da DueClick - Web Agency Torino
Facebook Instagram Youtube TikTok