Prurito e colestasi intraepatica della gravidanza - Eccomi Mamma
Semplicemente donna
Prurito e colestasi intraepatica della gravidanza

Prurito e colestasi intraepatica della gravidanza

Prurito e colestasi intraepatica della gravidanza

Gravidanza prurito gambe: durante il secondo e il terzo trimestre di gravidanza la tua pelle si allungherà per adattarsi alla crescita del tuo bambino e potresti anche avere gambe e piedi gonfi, entrambi i quali possono causare irritazione e prurito quando la pelle si allunga.


Il prurito è comune in gravidanza. Di solito si pensa che sia causato da livelli elevati di alcune sostanze chimiche nel sangue, come gli ormoni.

Successivamente, man mano che il pancione cresce, la pelle si tende e può anche provocare prurito.

Tuttavia, il prurito può essere un sintomo di una condizione del fegato chiamata colestasi intraepatica della gravidanza (ICP), nota anche come colestasi ostetrica (OC).

Sintomi di colestasi intraepatica della gravidanza

Il sintomo principale è il prurito, di solito senza eruzione cutanea. Per molte donne con colestasi intraepatica della gravidanza, il prurito è spesso:

più evidente sulle mani e sui piedi, ma può essere su tutto il corpo
peggio di notte

Altri sintomi di colestasi intraepatica della gravidanza possono includere:

urina scura
feci pallide
ingiallimento della pelle e del bianco degli occhi (ittero), ma questo è meno comune

I sintomi della colestasi intraepatica della gravidanza iniziano in genere da circa 30 settimane di gravidanza, ma è possibile sviluppare la condizione già a 8 settimane.

Prurito lieve colestasi intraepatica della gravidanza

Indossare abiti larghi può aiutare a prevenire il prurito, poiché è meno probabile che i vestiti sfreghino contro la pelle e causino irritazione.

Potresti anche voler evitare i materiali sintetici e optare invece per quelli naturali, come il cotone. Questi sono "traspiranti" e consentono all'aria di circolare vicino alla pelle.

Potresti scoprire che fare un bagno fresco o applicare una lozione o una crema idratante può aiutare a lenire il prurito.

Alcune donne scoprono che i prodotti con profumi forti possono irritare la pelle, quindi potresti provare a usare una lozione o un sapone non profumato.

Un lieve prurito di solito non è dannoso per te o il tuo bambino, ma a volte può essere un segno di una condizione più grave, in particolare se lo noti di più la sera o la notte.

Informa la tua ostetrica o il medico se provi prurito in modo che possano decidere se hai bisogno di ulteriori indagini.

Colestasi intraepatica della gravidanza

La colestasi intraepatica della gravidanza (ICP) è una malattia epatica potenzialmente grave che può svilupparsi in gravidanza.

Normalmente, gli acidi biliari fluiscono dal fegato all'intestino per aiutarti a digerire il cibo.

Nella colestasi intraepatica della gravidanza, gli acidi biliari non fluiscono correttamente e si accumulano invece nel tuo corpo. Non esiste una cura per l'ICP, ma dovrebbe scomparire una volta che hai partorito il tuo bambino.


Se hai avuto la colestasi intraepatica della gravidanza in una precedente gravidanza, hai un'alta probabilità di svilupparla di nuovo in un'altra gravidanza.

Alcuni studi hanno scoperto che i bambini le cui madri hanno la colestasi intraepatica della gravidanza hanno una maggiore probabilità di nascere prematuramente o nati morti.

A causa del legame con la morte in utero, potrebbe esserti offerta l'induzione del travaglio. Questo potrebbe avvenire in qualsiasi momento da 35 settimane, a seconda del livello di acidi biliari nel sangue.

Se hai la colestasi intraepatica della gravidanza, probabilmente ti verrà consigliato di partorire in ospedale sotto un team di maternità guidato da un consulente.

Diagnosi e trattamento della colestasi intraepatica della gravidanza

La colestasi intraepatica della gravidanza viene diagnosticata escludendo altre cause del prurito. Il tuo medico probabilmente ti parlerà della tua storia medica e familiare e consiglierà una serie di esami del sangue.

Questi includeranno test per controllare la funzionalità epatica (LFT) e misurare i livelli di acidi biliari (BA).

Monitoraggio della tua condizione

Se ti viene diagnosticata la colestasi intraepatica della gravidanza, ti sottoporrai a regolari test di funzionalità epatica in modo che il medico possa monitorare la tua condizione.

Non esistono linee guida concordate sulla frequenza con cui dovrebbero essere eseguiti questi test, ma si consigliano test settimanali.

Se i tuoi LFT e gli acidi biliari sono normali e continui ad avere un forte prurito, gli esami del sangue dovrebbero essere ripetuti ogni settimana o 2, per averli sotto controllo.

Creme e medicinali per la colestasi intraepatica della gravidanza

Le creme, come la crema acquosa al mentolo, sono sicure da usare in gravidanza e possono dare sollievo dal prurito.

Esistono alcuni farmaci, come l'acido ursodesossicolico (UDCA), che aiutano a ridurre gli acidi biliari e ad alleviare il prurito.

L'UDCA è considerato sicuro da assumere in gravidanza, sebbene sia prescritto sulla base del cosiddetto "consenso informato" poiché non è stato adeguatamente testato in gravidanza.

Potrebbe anche essere offerto un integratore di vitamina K. Questo perché la colestasi intraepatica della gravidanza può influenzare l'assorbimento della vitamina K, che è importante per una sana coagulazione del sangue.

La maggior parte degli esperti di colestasi intraepatica della gravidanza prescrive la vitamina K solo se la futura madre riferisce feci pallide, ha un problema noto di coagulazione del sangue o ha una colestasi intraepatica della gravidanza molto grave fin dall'inizio della gravidanza.

Il Marketing Sanitario: Come ha Cambiato il Modo di Comunicare
Il Marketing Sanitario: Come ha Cambiato il Modo di Comunicare Il marketing sanitario ha subito una trasformazione significativa nel corso degli anni, influenzando profondamente il modo in cui le aziende sanitarie comunicano con i loro pubblici di riferimento. Questo settore un tempo conservatore è ora caratterizzato da una crescente attenzione alla comunicazione ...
Vaccino antinfluenzale in gravidanza
Vaccino antinfluenzale in gravidanza Buongiorno mamme ! La mia ostetrica mi ha detto che devo fare il vaccino antinfluenzale, qualcuno di voi l’ha fatto !? Sono alla 29 esima settimana.Ho tanta ansia riguardo i vaccini. Io ho partorito la settimana scorsa e durante la gravidanza mai fatto nulla. Io non l'ho fatto.. Venrdì anche io ...
La Fecondazione Assistita
La Fecondazione Assistita è un processo medico che aiuta le coppie a concepire un figlio. La tecnologia della fecondazione assistita ha rivoluzionato il modo in cui le coppie affrontano la difficoltà di concepire naturalmente. Questo processo viene utilizzato quando il corpo di una donna non è in grado di concepire naturalmente. ...
Le informazioni presenti nel sito in nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.
Ricordiamo a tutti i visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.
Facebook
Instagram
Youtube
TikTok
P.Iva 07143761216
Policy Privacy - Policy Cookies
Copyright © 2024 Tutti i diritti sono riservati
Realizzato da NapoliWeb Srl - Web Agency Napoli