Dare l’aggiunta dopo aver allattato
Consigli di Mamme

Dare l’aggiunta dopo aver allattato

Dare l’aggiunta dopo aver allattato

Dilemma allattamento.... Prima visita in ospedale appena fatta , mio figlio ha 7 giorni e pesa 2940 mentre alla nascita pesava 3330. Lo allatto a richiesta e fino a domenica ho dato un aggiunta alla sera perché piangeva senza trovare soddisfazione dal seno dopo si addormentava e dormiva tutta la notte. Da lunedì il bambino sembra aver trovato il suo ritmo tanto che alla sera non gli ho dovuto dare nessun aggiunta e lo lascio al seno fino a quando non si stacca lui, poi dorme. Il pediatra in ospedale mi ha detto che devo dare l'aggiunta dopo ogni poppata che fa con me e che dopo 15 minuti per lato lo devo staccare dal seno, io ho paura che facendo così non stimoli la mia produzione, qualcuna di voi si è trovata nella stessa situazione?

Può essere che il tuo seno produca poco latte. Hai provato a tirarlo per vedere quanto ne produci?

È come dici tu, più lo attacchi più produci. Non serve staccarlo, il latte materno è a richiesta, si staccherà lui quando è sazio...se il bimbo bagna i pannolini e cresce, l’aggiunta non serve.

Ha pienamente ragione. Allattamento a richiesta e si stacca lui quando è sazio. Non guardare orari e al massimo alterna il seno tra una poppata e l'altra e non durante la poppata. Il latte si produci se lo attacchi.

I pediatri danno l’aggiunta subito!!! Ovvio, ci guadagnano!!! Io non ho mollato e ho seguito il mio istinto, finché fa la pipi e la pupu, vuol dire che mangia e cresce sano. Se lo allatti a richiesta, impossibile che il tuo latte non gli basti, magari piange per altri motivi.

Può darsi che piange perché ha bisogno di coccole, o potrebbe avere le colichette o tanti altri motivi.

Hai ragione tu se non si attacca non stimola il latte e non capisco i 15 minuti per lato... Il seno da le sostanze giuste al bambino.... Lo attacchi lasci che lo svuoti e lo riattacchi dall'altra parte... È la volta successiva lo attacchi dalla parte ultima che ha succhiato. A me è stato insegnato così, così ho fatto per tre anni con ciascuno dei figli... E ne ho 4 di figli senza mai dare aggiunte.

Anche a me è stato detto 15 per lato e mi è stato spiegato che così facendo il bambino usa la tetta per la funzione che ha, ovvero produrre latte, e non come ciuccio per calmare o per far addormentare. Il calo fisiologico è normale ma se supera dei parametri non va bene.

Ricordati che il seno non serve solo per nutrire ma ha pure una funzione catartica per i neonati.. È un sostegno psicologico.. Sentono il calore l'odore della mamma e il battito cardiaco che li ha sostenuti per 9 mesi...e poi quando passi mesi a non dormire onestamente non te ne frega niente se diventa un ciuccio o un modo per addormentarsi... Credimi ho dormito tante notti col pupo attaccato nel lettone e attualmente tutti stanno nel loro letto.

 Ti dico però che io non ho allattato e mio figlio riesce ad addormentarsi solo con me, quando piange si tranquillizza solo con me, l'essere madre non vuol dire aver allattato o meno. Punti di vista.

Ciao. Mio figlio è nato di 2678kg. È nato piccino aveva difficoltà ad attaccarsi al seno perché il capezzolo era piccolo, questo è stato un problema perché il latte è sceso dopo 4 5 giorni in poca quantità. Ho dovuto usare le tattarelle e le ostetriche mi avevo detto la stessa cosa detta te e cioè 15 minuti anche 10 per tetta e stimolare il bambino a bere se si addormentava perché molto pigro. Nel frattempo però il bambino in 2 giorni perse 200gr e quindi l'aggiunta del latte artificiale è stata inevitabile, questo però ha portato mio figlio a preferire quello perché al seno ne usciva poco e faceva il doppio della fatica. Questo mi è dispiaciuto molto, avrei volto allattarlo io ma per il suo bene è e sarà così.. Se perde peso è palese che il tuo latte non basta, prova a stimolare anche con il tiralatte. Ma per esperienza personale non fartene una malattia il legame con lui non è solo l'attaccamento al seno.

Io ho allattato solo a richiesta e solo al seno, se dorme tutta la notte a lui va bene così. Lo fai ciucciare un po’ da una parte e un po’ dall’ altra così le tue ghiandole non smettono mai di produrre, loro sanno quello che fanno..

Ho avuto la tua stessa situazione.. Identica.. Alla fine sono dovuta andare di biberon e prendere le compresse per quel po' di latte che era rimasto. In compenso la bimba prendeva peso e cresceva molto bene.

Io personalmente mi sono trovata nella tua stessa situazione. Non ho dato aggiunta. Attaccato al seno il più possibile per stimolare la produzione di latte, andrà bene tranquilla, ci vuole un po’ di pazienza.

Io ho risolto pesandolo ogni poppata. Prima e dopo.. così sei sicura. Se vedi che piange fai aggiunta, ma non mollare che comunque devi essere stimolata per produrre latte.

Se ti sembra di avere poco latte ci sono tisane in farmacia che stimolano la produzione.

Leggi anche Quanto mangia un bambino allattato al seno

Sei uno Specialista o un’azienda interessata ad entrare nel mondo Eccomi Mamma?
Compila il modulo, un nostro consulente ti contatterà nel più breve tempo possibile.


 

27 dicembre 2020
Incinta a 18 anni
Incinta a 18 anni Mi chiamo Maria e ho scoperto di essere incinta a 18 anni. Vivo nell’angoscia di dirlo ai miei genitori sopratutto perché il mio pseudo compagno ha deciso di scappare e quindi non intende assumersi alcuna responsabilità. Essere incinta a 18 anni non è una passeggiata, ho mille pensieri, mille dubbi e non so con chi confidarmi. Dirlo ai miei genitori &...
24 dicembre 2020
Dermatite eritema da pannolino
Dermatite eritema da pannolino Salve ragazze mio figlio ha una dermatite da pannolino, volevo qualche consiglio su cosa usare per questo eritema, come avete fatto a far passare questa dermatite da pannolino? Io ho sempre usato bepantenol ma ho cambiato presi l altro giorno quella alla calendula ottima . Per la dermatite da pannolino  ho sempre utilizzato Bepantenol per l'eritema da pannoli...
13 febbraio 2021
Acalasia Esofagea: cause, sintomi e trattamento
ACALASIA ESOFAGEA: CAUSE, SINTOMI E TRATTAMENTO Cosa è l'acalasia esofageaL'acalasia è un raro disturbo dell'esofago, che può rendere difficile la deglutizione di cibi e bevande. Normalmente, i muscoli dell'esofago si contraggono per spingere il cibo verso lo stomaco. Un anello muscolare all'estremità dell'esofago si rilassa per far penetrare il cibo nello stomaco. N...
Iscriviti alla Newsletter
e resta sempre aggiornato.


Le informazioni presenti nel sito in nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.
Ricordiamo a tutti i visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.
Eccomi Mamma - P.Iva 07143761216
Policy Cookies - Policy Privacy
Copyright © 2021 Tutti i diritti sono riservati
Realizzato da DueClick - Web Agency Torino
Facebook Instagram Youtube